…Il Natale è servito (seconda parte)!


betty-boop-christmas-graphic1

…Se si soffre di holiday blues o le feste non sono your cup of tea ( non fanno cioè per voi), ci si può consolare con altri elementi che fanno parte del “pacchetto” natalizio. Le luci, ad esempio, che con sfarzo, eleganza e  gusto (a volte dubbio) rifulgono lungo le vie, nelle piazze e nelle case.  Basta gettare uno sguardo alle incredibili trasformazioni di look di molte strade americane grazie al cambio di immagine delle facciate delle abitazioni.

Ne è un chiaro esempio il film  “Conciati per le feste”, il cui titolo originale è “Deck the Halls”, noto motivetto natalizio inglese che tutti conosciamo, dove un esilarante Danny DeVito è disposto a tutto pur di non farsi scippare il primato di grande deoratore di facciata (di casa) del quartiere, spendendosi in luci e prodigi per farsi notare fin dallo spazio!

In Europa, invece, a dare spettacolo ci pensano le “stelle di Natale” di San Gallo, in Svizzera, luci a forma di stelle che abbelliscono le antiche facciate del centro storico, o le luminarie di Londra, ben visibili in  questo video proposto da London Live. Naturalmente, sarebbe un oltraggio non citare le illuminazioni natalizie parigine, che non hanno bisogno di presentazioni perché parte integrante del paesaggio invernale della Ville Lumière. Eccone una breve descrizione aggiornata all’anno in corso: Le “nuovissime illuminazioni sugli Champs-Elysées. Dalla piazza della Concorde, per più di 2 km, le due magnifiche schiere di platani, 415 alberi, saranno addobbati da innovativi giochi di luci e importantissime coreografie. Come gli anni passati le “Illuminazioni Champs-Élysées”, seguono le direttive dello sviluppo sostenibile per il rispetto dell’ambiente. Per questo motivo sono utilizzati led a bassa consumazione che ridurranno il consumo energetico necessario.” L’attenzione all’ambiente, dunque, le rende ancora più sfavillanti.

C’è poi da considerare il fattore delle tradizioni, il cui fascino non muore mai perché legate alla cultura e alla storia di un popolo. La curiosità è libera di vagare da un Paese a un altro del globo per conoscerle tutte, trovando l’esperienza di sicura soddisfazione.  Per il primo dell’anno, ad esempio, ce n’è per tutti i gusti (del palato), come ben illustra questo link di Lei in Tv. Si passa, infatti, dalle lenticchie in Italia alle noci in Germania, dalla frutta secca in Grecia alle insalate in Russia, passando per il foie gras in Francia. Da segnalare, però, restando in tema di attenzione all’ambiente, che il consumo di quest’ultima tipicità culinaria sarebbe da bandire, come quello di tante altre, purtroppo, al mondo. La tecnica utilizzata per ingrossare il fegato delle oche, denominata gavage è, come spiega il link di Tuttogreen, altamente immorale, il che cozza profondamente con l’idea di bontà (fuori dalla tavola) di cui le festività natalizie sono l’emblema.

Delizie del palato e degli occhi (nonché cibo per la mente), sono invece le tante manifestazioni legate alle varie culture e religioni del mondo, sempre nel periodo di Capodanno. Si passa dalle pulizie domestiche per salutare il nuovo anno in Giappone, al vestire di giallo in Brasile fino al mascherarsi (attività normalmente legata al carnevale) in Germania. A Copenaghen, il salto nel nuovo anno si festeggia invece con un tuffo nelle piscine del porto, come spiega questo interessante link di turismo.it.

In attesa della terza e ultima parte di questo post a puntate, buon ascolto e buona visione di Deck the Halls!

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in ambiente, Natale, video

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...